Kosovo Reserch Center

condivido assolutamente tutte le apprensioni di Giorgio Napolitano! MA LUI NON SA CHE; LA CIA NWO, FA 30.000 IN GERMANIA, 20,000 IN INGHILTERRA, E 10.000 IN FRANCIA; TUTTI SACRIFICI UMANI SULL'ALTARE DI SATANA, OGNI ANNO! TUTTA LA EUROPA DEL NORD PER NOI è DIVENTATA UNA MINACCIA PEGGIORE DELLA LEGA ARABA! 15.01.2016, NON POSSIAMO EVITARE DI MORIRE IN QUESTA GUERRA MONDIALE, MA, I NOSTRI FIGLI NON DEVONO MORIRE DALLA PARTE SBAGLIATA DELLA STORIA! In un'intervista per La Stampa, l’ex Presidente della Repubblica cita Mitterrand: “Il nazionalismo è la guerra!” Su Putin: “E’ un partner assolutamente necessario, sia per la lotta al terrorismo e al fondamentalismo islamico, sia per altre sfide e crisi globali”. http://it.sputniknews.com/italia/20160115/1895693/napolitano-nazionalismo-terrorismo-migranti.html#ixzz3xLWz4lSH
 ==============
quando la CIA fa i sacrifici umani sull'altare di satana? parte di quel sangue umano, viene incenerito e inserito in tutti i riti ebraici! MA EBREI E RABBINI? NON LO SANNO DI ESSERE UNO STRUMENTO DI MALEDIZIONE DEL LORO POPOLO: SONO tutti VITTIME IGNARE! Quindi ogni rabbino si deve fabbricare da se, i prodotti dei loro sacramentali!
===========
ho soltanto io lo SPIRITO SANTO? no! lo SPIRITO SANTO è stato effuso su tutte le persone del pianeta, quindi, i peccatori sono consolati INCORAGGIATI, e i ribelli sono rimproverati! SE, IO DICO QUALCOSA DI SBAGLIATO, POI, VOI NON NE POTRESTE AVERE UNA CONFERMA NEL VOSTRO CUORE!

è PROPrIO ERESIA, OGNI VIOLENZA IN NOME DI DIO? EIH, MA IO SONO IL REGNO DI DIO! IO BUTTERò FUORI DAL REGNO GLI ASSASSINI, E GLI ABUSIVI salafiti farisei che, sono entrati CASA DEL SIGNORE! .. e se è il Signore che ti ucciderà come una bestia? Poi, non ci sarà nessuno che ti potrà piangere, perché anche lui sarà morto insieme a te!

========
al-Nusra, Daesh, ISIL, esercito libero siriano, al-Qaeda, fratelli musulmani, salafiti, turcomanni, ISIS: jihadisti, talebani, ceceni, ecc... in Siria li abbiamo visti passare tutti da una abominazione saudita, ad una abominazione turca, e se pagavano di più gli sgozzatorio stupratori cannibali genocidio a tutti? sono passati alla abominazione del Qatar... e quel demonio della MERKEL non sarà mai maledetto in eterno abbastanza!
per colpa dei SAUDITI? è difficile dire oggi, cosa sia rimasto in Allah di Dio Onnipotente! ] [ e se è vero che gli iraniani non adorano l'abominevole vagina, DI ARGENTO, che contiene l'idolo meteorite lunare? ALLORA, LO DISTRUGGESSERO SUBITO!
SAUDI ARABIA ha un VIRUS di nome SHARIA, la nazione che viene infettata da loro? conosce terrore e genocidio! ed ERDOGAN è soltanto un UNTORE MALEDETTO!
================
il MEGALOMANE presidente di: USURPAZIONE TITOLO: "Fondazione Italianieuropei" Massimo D'Alema, lui poteva scrivere "italianimassoni", oppure, "italianicomunisti", lui DIMENTICA molte cose, che lui con Veltroni e Compagni, è il RAPPRESENTANTE UFFICIO ENLIGHTENED IN ITALIA, CIOè, UNA POTENZA illegale occulta e massonica usurocratica, STRANIERA E PARASSITARIA: il nemico! e che noi siamo una democrazia, e il suo regime massonico usurocratico Bildenberg, non ha ancora soffocato del tutto i fondamenti democratici del nostro popolo! E che, io ho il diritto di conoscere la valutazione politica di Naor Gilon su di lui! ] che se Massimo D'Alema mi vuole rispondere? CIOè SE LUI HA LE PALLE PER FARLO? Questo è l'indirizzo del mio ufficio! in ( "commenti dal più recente": perché in youtube hanno paura dei Farisei e dei Salafiti! ) https://www.youtube.com/user/YouTube/discussion ] [ 15.01.2016, L'ambasciatore israeliano replica alle critiche di Massimo D'Alema sulla politica di Netanyahu dalle pagine del Corriere della Sera. Un autentico "botta e risposta" quello tra Massimo D'Alema e Naor Gilon sulle pagine del Corriere della Sera. L'ambasciatore israeliano non ha apprezzato l'intervista dell'ex premier per il quotidiano di Via Solferino, nella quale definisce Israele "più che un alleato, un problema", e accusa il governo di Gerusalemme di giocare "un ruolo negativo nella regione", di non rispettare "gli impegni sottoscritti" e di violare "le risoluzioni dell'Onu", alimentando "nel mondo arabo l'odio verso l'Occidente". Naor Gilon, non è sorpreso dalle dichiarazioni di D'Alema su Gerusalemme, dal momento che "le sue vedute unilaterali nei confronti di Israele distorcono la percezione della realtà". "Da molti anni esiste nel signor D'Alema un'ossessione che vede in Israele l'origine di tutti i problemi del Medio Oriente e del mondo, a tal punto che è disposto a vedere in alcune organizzazioni terroristiche degli alleati per l'Occidente preferibili alla democrazia israeliana", continua l'ambasciatore:
http://it.sputniknews.com/politica/20160115/1895395/israele-dalema-netanyahu-gilon.html#ixzz3xKdVQKqb


Jean Claude Juncker AFFERMA CHE LA SUA POLITICA SENZA SOVRANITà MONETARIA, NEL REGIME MASSONICO BILDENBERG, è UN TEATRO, PERCHé LE POLITICHE NAZIONALI SONO I "TEATRINI!" "Ritengo che il primo ministro italiano, che amo molto, abbia torto a vilipendere la Commissione a ogni occasione, non vedo perché lo faccia. È da troppo tempo che non seguo i teatrini della politica interna di certi paesi". Parole dure che Jean Claude Juncker ha pronunciato per descrivere i rapporti attuali con l'Italia: http://it.sputniknews.com/italia/20160115/1894418/junker-renzi-commissione-europea.html#ixzz3xJy8D6kU
SE EUROPA RITORNASSE AL BUON SENSO DELLA SUE RADICI CULTURALI IDENTITARIE EBRAICO-CRISTIANE, ABOLISSE LA MASSONERIA E RECUPERASSE LA SUA SOVRANITà MONETARIA? POI, QUESTA EUROPA LA POTREMMO SENTIRE ANCHE NOSTRA!
ERDOGAN è IL BOIA DITTATORE ASSASSINO? DEVE SUBITO ESSERE FERMATO! è L'ISLAM DEI SALAFITI CHE DA MAOMETTO A OGGI, SEMPRE VEDE OGNI SOLUZIONE NEL GENOCIDIO! ISTANBUL, 15 GEN - La polizia turca ha arrestato 12 docenti universitari con l'accusa di "propaganda terroristica" a favore del Pkk per aver firmato un appello che chiede una soluzione pacifica alla questione curda. Il mandato d'arresto riguarda anche altri 9 accademici, non ancora fermati. Lo riferisce l'agenzia statale Anadolu.
============================
Ucraina, DELITTO CULTURALE ED IDENTITARIO! ABUSO E GENOCIDIO CULTURALE, PER INNESTARE TUTTI I POPOLI, SULLA RADICI MASSONICHE DELL'ANTICRISTO SOLTANTO! è QUESTO IL NUOVO ORDINE MONDIALE DEI BANCHIERI USURAI FARISEI... Poroshenko si dimentica la lingua di stato e chiede aiuto in russo. 15.01.2016 (15.01.2016) Durante una grande conferenza stampa, il presidente Petr Poroshenko ha dovuto chiedere un “aiutino” sulla lingua ucraina. A quasi 2 anni trascorsi dal colpo di stato in  Ucraina, con sorprendente regolarità si verificano eventi che dimostrano l'assoluta artificialità e innaturalità di tutti questi processi in  atto nel Paese. Letteralmente incantati, gli ucraini rinunciano aggressivamente al proprio passato e presente, per il gusto di un futuro incerto e surreale diventando ciò che non sono. La maggior parte della conferenza stampa del presidente ucraino, svoltasi nella giornata di ieri non è stata imprevedibile come secondo le attese. Petr Poroshenko, come se stesse imitando il presidente di un Paese vicino il cui nome è citato nei media ucraini più dei politici ucraini, ha iniziato la conferenza stampa con un ritardo di 15 minuti. Dopodichè ha ripetuto il solito jingle sull'occupazione del Donbass e sul suo ritorno inevitabile in  Ucraina entro quest'anno e sul ritorno della Crimea, tuttavia relativamente alla penisola restano non chiari i tempi. Poroshenko ha promesso di nuovo di lasciare le sue attività imprenditoriali, tuttavia ora non si parla più di vendita. Durante la presidenza, l'amministrazione della società "Roshen" verrà trasferita "ad un trust indipendente". Ma improvvisamente nel corso della conferenza stampa è emerso un episodio emblematico della situazione attuale in  Ucraina. Poroshenko discuteva di come non avesse bisogno di alcun consigliere finanziario. Mentre parlava improvvisamente si è fermato. Dopo una breve pausa, si è rivolto al suo addetto stampa Svyatoslav Tsegolko e in  perfetto russo gli ha chiesto: —  Come si dice da noi "portafoglio"? Il suo portavoce gli ha risposto prontamente. Dopodichè Poroshenko ha continuato il suo discorso. I giornalisti ucraini si sono comportati come se non fosse successo niente. Ma in  realtà questo piccolo episodio dimostra emblematicamente e chiaramente l'innaturalezza di quanto sta accadendo in  Ucraina. Dimenticare una parola nella propria lingua madre è difficile. Può avvenire solo in  due casi: o la lingua non è parlata dalla nascita o di recente è usata molto meno frequentemente rispetto ad un'altra: http://it.sputniknews.com/mondo/20160115/1892149/Russia-Gaffe-Figuraccia.html#ixzz3xJ6qHh5p
================
UK SEGRET SERVICES ] sei tu che ti sei attaccato come un vampiro sulla mia 100Mg fibra ottica? MI STAI FACENDO PRENDERE IL SONNO!
===================
Gerhard Schröder sicuro, assurde sanzioni UE vs Russia e Occidente sbaglia su Assad. SE EUROPA NON SI CONTRAPPONE ALLA POLITICA DEGLI USA? SARà IMPOSSIBILE PER NOI POTER USCIRE VIVI DA UN BAGNO DI SANGUE, DI UNA GUERRA CIVILE! PERCHé, NOI NON CI FAREMO TRASCINARE IN GUERRA CONTRO LA RUSSIA! ED IN VERITà, GIà CI AVETE ROVINATI POLITICAMENTE E MORALMENTE, CI STATE FACENDO DIVENTARE I COMPLICI DEI VOSTRI DELITTI ISLAMICI IN TUTTO IL MONDO! 15.01.2016 Gerhard Schröder ha criticato l'Occidente per le sanzioni contro la Russia e in relazione alla normalizzazione della crisi siriana. In un'intervista con il quotidiano "Handelsblatt", l'ex cancelliere tedesco Gerhard Schröder ha definito assurda l'estensione delle sanzioni contro la Russia, nonostante i notevoli progressi nella risoluzione del conflitto in  Ucraina. "La colpa del governo federale è anche nel fatto che, nonostante i significativi progressi compiuti nell'implementazione degli accordi di Minsk, le sanzioni non solo non sono state annullate, ma sono state estese. E' una cosa assurda,"  — ha affermato il politico. Schröder ha inoltre osservato che l'Occidente ha commesso l'errore di cercare di risolvere il conflitto siriano tramite negoziati incentrati sull'uscita di scena di Assad. Le relazioni tra la Russia e l'Occidente sono peggiorate per la situazione in Ucraina. Dopo aver introdotto sanzioni mirate contro persone fisiche ed alcune società, l'Unione Europea e gli Stati Uniti hanno intrapreso misure per colpire interi settori dell'economia russa. In risposta la Russia ha limitato l'importazione di prodotti alimentari provenienti dai Paesi che hanno imposto le sanzioni: Stati Uniti, Paesi membri dell'Unione Europea, Canada, Australia e Norvegia. La decisione di estendere le sanzioni settoriali contro la Russia per altri 6 mesi è stata adottata dal Consiglio d'Europa a dicembre. L'azione delle cosiddette misure restrittive sarebbe decaduta il 31 gennaio, tuttavia, secondo i leader europei le sanzioni sono state estese per il mancato adempimento di tutte le condizioni degli accordi di Minsk. Allo stesso tempo l'Unione Europea ha promesso di monitorare la realizzazione degli accordi.
==============
è CHIARA, LA AGENDA DEL TALMUD NWO SPA FED FMI..  I GOVERNI MASSONICI SENZA SOVRANITà MONETARIA HANNO DECISO DI SPAZZARE VIA LA NOSTRA CIVILTà EBRAICO CRISTIANA CON LE NUOVE INVASIONI BARBARICO ISLAMICHE! BERLINO, 15 GEN - "Le capacità di accoglienza, cura e integrazione dei migranti in Germania è limitata. Tutto il resto è un'illusione". È un attacco diretto alla politica sui profughi di Angela Merkel quello mosso dall'ex cancelliere Gerhard Schroeder, in un'intervista pubblicata oggi su Handelsblatt. Schroeder descrive come "un errore" aver permesso un flusso illimitato di migranti verso la Germania: "Sarebbe come pensare che i confini nazionali non abbiano più alcuna importanza", ha aggiunto, "e questo è pericoloso oltre che non giusto". L'ex cancelliere ha spinto le sue critiche anche verso il partito di Merkel, la Cdu, cui contesta il rifiuto di una legge sull'immigrazione: "È stata semplicemente ignorata la realtà, con la conseguenza che ora centinaia di migliaia di profughi vengono costretti in procedure di richiesta di asilo proprio perché non si sono voluti definire i contingenti attraverso una nuova legge sul diritto d'asilo".
==========
NOTIZIE DAL MONDO DI SATANA MASSONE .. 2015 ha sido “el peor año de la historia moderna” para los cristianos perseguidos, según el informe anual de la ONG Open Doors sobre libertad religiosa, publicado este jueves. Corea del Norte e Iraq encabezan la lista de los 50 países más peligrosos donde ser cristiano. La expansión territorial del Estado Islámico por Libia, Siria o Iraq ha ido acompañada de una política de limpieza étnica que hace de las minorías cristianas un blanco fácil y prioritario de ejecuciones y atentados, destierro, destrucción de iglesias, confiscación de bienes y prohibición del culto. Especial atención merece para Open Doors la situación de los cristianos en Iraq. El país ha escalado en 2015 a la segunda posición en el mapa de la peligrosidad. Voluntarios de la organización española de libertad religiosa MasLibres.org han realizado, en septiembre y durante la pasada Navidad, dos misiones humanitarias entre los refugiados cristianos en el Kurdistán iraquí. Sus historias personales son testimonios conmovedores de resiliencia y de fe. Muchos han perdido a familiares ejecutados por el Estado Islámico. Han sido expulsados de sus hogares, desposeídos de todo y obligados a huir. Y, no obstante, perdonan a sus perseguidores y practican su fe con la alegría de siempre. [Pasa a la acción: Firma esta petición al Gobierno español para que lidere una respuesta internacional por la seguridad y la libertad de los cristianos perseguidos] “El nivel de exclusión, discriminación y violencia contra cristianos no tiene precedentes; se está extendiendo e intensificando”, dijo David Curry, presidente de Open Doors, una ONG con base en Washington DC que apoya a los cristianos perseguidos desde 1955. El Papa Francisco ha puesto a los perseguidos en el centro de su pontificado de la misericordia. Su reciente viaje a República Centroafricana, Uganda y Kenia, en contra de todas recomendaciones de que no visitara unos lugares tan peligrosos, ha dirigido la mirada del mundo hacia la situación de los cristianos en Estados fallidos y zonas en guerra.  A qué esperan los líderes mundiales para detener el genocidio del siglo XXI.– V.Gago
[Con información de Crux, en inglés; Open Door, en inglés; Actuall]
Qué está pasando. Bruselas impone una ‘troika ideológica’ a Polonia. La Comisión activa, por primera vez, el mecanismo de supervisión del Estado de Derecho, que le permite evaluar las reglas democráticas de un Estado miembro y, en última instancia, imponerle sanciones y hasta dejarlo sin voto en el Consejo Europeo. Los burócratas de Bruselas tienen una espina con el nuevo Gobierno del partido Ley y Justicia, conservador, provida y profamilia. Para la Comisión, Polonia y Hungría son Estados bajo vigilancia, por negarse a aceptar las directrices de Bruselas sobre el aborto, el matrimonio homosexual, la adopción de niños por parejas del mismo sexo o la acogida ilimitada de refugiados. [Politico, en inglés; Comisión Europea, en inglés; Aceprensa; Agenda Europe, en inglés] Renzi topa con la oposición al matrimonio homosexual. Un sector de su propia fuerza política, el Partido Demócrata, le pide que acepte salvedades sobre la adopción de niños por parejas del mismo sexo y sobre el uso del concepto de “matrimonio”, en el proyecto de ley que el Gobierno italiano de centro-izquierda tiene entre sus prioridades para 2016. Varios senadores anunciaron este jueves enmiendas sobre la conocida como stepchild adoption, que permitiría a un miembro de una pareja homosexual adoptar al hijo de su cónyuge fruto de una relación anterior. El proyecto legislativo entró en el Senado el pasado mes de octubre, y está previsto que se debata en la Cámara Alta el próximo 28 de enero. Renzi ya ha accedido a evitar el término “matrimonio”. El proyecto de ley se refiere a las uniones civiles homosexuales como una “específica formación social”. Radio Vaticana informó este jueves que más de cien juristas han manifestado su rechazo a la reforma. El próximo 30 de enero, coincidiendo con las sesiones deliberativas en el Senado, Roma acogerá una manifestación por la familia, en protesta por la iniciativa del Gobierno de Mateo Renzi. El pasado 21 de julio, el Tribunal de Estrasburgo condenó a Italia por no respetar el Convenio Europeo de Derechos Humanos, y le instó a que legalice las uniones civiles entre personas del mismo sexo. [Efe, ElDiario.es]
========================
DOVE SATANA SI CHIAVA ALLAH, E DOVE SATANA SI CHIAVA IL COMUNISMO, E DOVE SATANA SI CHIAVA BRAHAMA, PERCHé DA SE STESSO IL MASSONE? lui non ha bisogno di essere istruito, lui SA DI ESSERE SATANA! è che in VATICANO hanno dimenticato di avere fatto, proprio loro: 666 scomuniche contro i BILDENBERG!  Quali sono i 10 Paesi dove i cristiani sono più perseguitati? Nella World Watch List 2016 al primo posto c'è la Corea del Nord. In Nigeria invece il maggior numero di cristiani uccisi. Nella graduatoria quasi tutti i paesi sono a maggioranza musulmana Molly Holzschlag. Gelsomino Del Guercio/Aleteia 14 gennaio 2016. Intervista a Fernando de Haro. La persecuzione dei cristiani nel mondo nel 2015 è aumentata del 2,6 per cento. Secondo la World Watch List 2016 – pubblicata in Italia dall’organizzazione umanitaria Porte Aperte – tra novembre 2014 e novembre 2015 sono stati uccisi 7.100 cristiani rispetto ai 4.344 del 2014. Le chiese attaccate, invece, sono state oltre 2.400 contro le 1.062 del 2014 (Tempi.it, 13 gennaio). WWL_2016_download_small
COME AVVIENE LA PERSECUZIONE
La World Watch List elenca i primi 50 paesi secondo l’intensità ella persecuzione che i cristiani affrontano per il fatto di confessare e praticare la loro fede, prendendo in esame 6 aree della loro vita: il privato, la famiglia, la comunità in cui risiedono, la chiesa che frequentano, la vita pubblica del paese in cui vivono e il grado di violenze che subiscono. Più alta è la posizione, più è la persecuzione (members.opendoorsusa.org/site/Survey, 13 gennaio).
LA LEADERSHIP DELLA COREA DEL NORD
In cima alla lista si conferma per il quattordicesimo anno consecutivo la Corea del Nord, dove predomina l’ateismo di Stato. Il leader Kim Jong-Un si oppone in modo violento a qualsiasi ideologia o fede che sia differente dal pensiero del regime comunista (Agensir, 13 gennaio). I cristiani in Corea del Nord cercano di nascondere la propria fede il più possibile per evitare l’arresto e la deportazione nei campi di lavoro in cui si troverebbero tra i 50mila e i 70mila cristiani.
MUSULMANI E CON GOVERNI INSTABILI
Dopo la Corea, nei primi dieci paesi al mondo dove la persecuzione è più grave figurano: Iraq, Eritrea, Afghanistan, Siria, Pakistan, Somalia, Sudan, Iran e Libia. La maggioranza dei Paesi presenti in classifica sono a maggioranza musulmana, ma quasi tutti si distinguono per una situazione politica instabile.
IL MACABRO DOMINIO DELLA NIGERIA
Anche se non rientra tra i primi dieci paesi persecutori, quello dove nel 2015 sono stati uccisi più cristiani è la Nigeria con 4.028 morti su un totale di 7.100: più di tutti gli altri messi insieme. Al secondo posto c’è il Centrafrica con 1.269 morti. Fino alla settima posizione troviamo altrettanti paesi africani: Ciad, Rd Congo, Kenya, Camerun e Libia.
DALLA TURCHIA AL MESSICO
Tra gli Stati “inattesi” nella graduatoria, nota ancora Agensir, spiccano l’ “occidentale” Turchia al 45° posto, la Colombia al 46° posto, e il Messico al 40° posto. Nel caso della Colombia si tratta formalmente un Paese democratico, dove la libertà religiosa è garantita, ma ci sono grandi aree sotto il controllo della criminalità organizzata, dei cartelli della droga e di gruppi rivoluzionari paramilitari: un contesto dove l’impunità è la norma e tutti gli abitanti soffrono di questo conflitto, dunque anche la componente cristiana. Nel caso messicano le persecuzioni riguardano i cristiani che tentano di migliorare una realtà sociale corrotta e manipolata
====================
Top Stories. Gli occhi “a mandorla” della misericordia. Storia di Zhang Agostino. Un carcerato cinese racconta la sua conversione. Le lacrime della mamma e gli incontri dietro le sbarre: così Gesù è venuto a visitarmi. 14 gennaio 2016. La misericordia ha gli occhi a mandorla. È la storia di Zhang Agostino Jianqing, cinese di 30 anni, immigrato in Italia con la sua famiglia nel 1997, a 12 anni. È in carcere ormai da 11 anni, ne deve scontare altri nove. Errore di una giovinezza turbolenta e irrequieta. “Sono qui con la mia storia a testimoniare come la Misericordia di Dio ha cambiato la mia vita” dice, intervenendo alla presentazione del libro-intervista di Papa Francesco “Il nome di Dio è misericordia”. Sì, proprio in Vaticano. Non se lo sarebbe mai aspettato. Come ogni passo di questa storia. Proprio a lui. Zhang arriva in Italia a 12 anni. Comincia il suo percorso di inserimento, ma la scuola non gli piace, si annoia, e comincia a saltare le lezioni. Solo che diventa sempre più infelice, anzi “più cattivo, iniziavo a litigare con i miei genitori perché non mi davano i soldi per potermi divertire”. Si allontana sempre più dalla famiglia, comincia a stare fuori la notte: “Mi interessava solo divertirmi e sentirmi potente, così in poco tempo mi sono plasmato un carattere violento e superficiale”. Finché: “Ho commesso un grave errore”. E a 19 anni si ritrova in carcere con una condanna di 20 anni. Zhang Agostino Jianqing, Per Zhang si aprono le porte del penitenziario di Belluno. Lui non capisce quasi per niente l’italiano, meno male c’è Gildo, un volontario, a sostenerlo. Basta uno sguardo: “Nei nostri incontri era più il tempo che ci guardavamo di quello passato a parlare. Il semplice suo sguardo che provava compassione per me mi ha sostenuto”. Diventano amici, e sarà lui il suo padrino di Battesimo. Oggi dice: “è il primo regalo che il Signore mi aveva fatto”. La mamma ogni settimana fa 700 chilometri per andare a trovarlo. Piange. E le sue lacrime cominciano a sciogliere il cuore di Zhang: “Vedere quelle lacrime che scorrevano davanti a me mi ha aiutato a guardarmi dentro e a percepire tutto il male che avevo causato alla mia famiglia e a quella della vittima. Il mio cuore tremava per il dolore e si sentiva spezzato. Improvvisamente dentro di me emergeva il desiderio di cambiare in meglio. Nasceva in me il desiderio che questa sofferenza si potesse trasformare in felicità”. Nel 2007 Zhang viene trasferito a Padova. Comincia a lavorare all’interno del carcere, con la cooperativa Giotto. Conosce un connazionale, Je Wu poi Andrea, che gli fa compagnia. “Ho visto giorno dopo giorno che questo mio amico era sempre più contento fino a decidere di diventare cristiano e di battezzarsi. Vedere accadere queste cose, lavorare con queste persone mi ha fatto sorgere la domanda e il desiderio di essere anch’io felice come loro”. Incuriosito, Zhang inizia ad andare a Messa: “Ascoltando le parole del Vangelo e i canti, dentro di me emergeva una gioia che non avevo mai provato prima”. Con altri detenuti e persone della cooperativa inizia un percorso più intenso e “questo cammino mi ha fatto nascere il desiderio di diventare cristiano”. Come dirlo ai genitori? La sua famiglia è buddista, e lui non vuole dare un altro dispiacere alla mamma, che è molto religiosa. Questo tormento interiore si scioglie il giorno di Venerdì Santo del 2014. Zhang, invitato dagli amici, partecipa al rito della Via Crucis: alla fine del rito tutti hanno baciato la croce ma lui no, “non riuscivo a farlo, mi sembrava di tradire una seconda volta mia mamma”. Poi, uscito dalla cappella “improvvisamente il mio cuore pentito piangeva perché non ero andato a baciare Gesù sulla croce. Nel dolore di quel momento ho capito che mi ero innamorato di Gesù, che questo era vero e che non potevo più farne a meno”. Chiama a casa e il giorno dopo apre il suo cuore alla mamma, chiedendo a lei il permesso di diventare cristiano e di battezzarsi. “Mia mamma è rimasta per 5 minuti immobile, mi sono sembrati i 5 minuti più lunghi della mia vita, poi con le lacrime agli occhi mi ha detto: ‘Se tu ritieni che questa sia una cosa giusta per te, falla, altrimenti io soffrirei di più’. Ho sentito la presenza del Signore ed ho scoperto un altro amore della mia mamma, come quello di Maria”. Zhang viene battezzato l’11 aprile 2015, alla vigilia della domenica della Divina Misericordia, in carcere: “Ho scelto di farlo nel luogo e con gli amici dove Gesù è venuto ad incontrarmi e dove io ho incontrato Gesù. Sentendo la parola del Vangelo: ‘Ero in carcere e siete venuti a visitarmi’, ho compreso che Gesù ha mandato i suoi a cercarmi, e che il Suo tramite erano tutti gli amici che avevo incontrato in carcere”. E decide di chiamarsi Agostino, perché “mi ha particolarmente commosso sua madre santa Monica per tutte le lacrime che aveva versato per lui, sperando di ritrovare il figlio perduto. È un po’ come la mia situazione, pensando alla mia mamma ed al fiume di lacrime che ha versato per me sperando che io potessi ritrovare il senso della vita”.
=====================
Israeli Startups Sold for Over $9 Billion! CLICK HERE for Latest Israel News
United with Israel     New IDF Unit to Fight Chemical Weapons; US Approves More Oversight of Iran Deal ======================
ISIS Strikes in Indonesia, More Terror and Death. ISIS attack jakarta Islamic terrorists set off suicide bombs and exchanged gunfire outside a Starbucks cafe in Indonesia’s capital in a brazen assault Thursday that police said “imitated” the recent Paris attacks and was probably linked to the Islamic State (ISIS) terror group.All five terrorists and a Canadian and an Indonesian died in the mid-morning explosions and gunfire that were watched by office workers from high-rise buildings on Thamarin Street in Jakarta, not far from the presidential palace and the US Embassy, police said. Another 19 people were injured.
When the area was finally secured a few hours later, bodies were sprawled on sidewalks. But given the firepower the attackers carried — handguns, grenades and homemade bombs — and the soft targets they picked in a bustling, crowded area, the casualties were relatively few compared to the mayhem and carnage caused by the Paris attacks.
“We have identified all attackers… we can say that the attackers were affiliated with the ISIS group,” national police spokesman Maj. Gen. Anton Charilyan told reporters.
http://worldisraelnews.com/isis-strikes-at-indonesias-capital-kills-2-and-wounds-scores/
====================
WATCH: How Iran Humiliated the USA (Video Denigrates US Sailors)     Iran humilates US Sailors. Introducing Israel's New Unit to Fight Chemical Weapons. IDF
Kippah France     After Islamic Attack, French Jews Wary of Showing Identity in Public
===================
Anti-Semitism Swastika     European Union Focuses on Fighting Rabid Anti-Semitism in Europe
The EU’s new coordinator on the combat of anti-Semitism has a formidable challenge to face in curbing the mounting wave of vicious Jew hatred in Europe. The new European Union (EU) coordinator to combat anti-Semitism says among her top priorities will be to tackle the spike of hate speech on the Internet and to make sure European states properly enforce legislation on hate crime. Katharina von Schnurbein presented her goals in Prague on Tuesday to her counterparts from member states, the US and Israel. Von Schnurbein was appointed recently after Jewish groups and some others were urging the EU to create such a position to help stop the rising hatred of Jews on the continent. She says she will also hold consultations with Jewish communities across Europe on the current situation.
US envoy Ira Forman called Von Schnurbein’s appointment and the Prague meeting “an extremely good sign.” They last annual report by the Kantor Center at Tel Aviv University for the Study of Contemporary European Jewry and the European Jewish Congress (EJC) on anti-Semitism found that 2014 was one of the worst years in the past decade for anti-Semitic incidents.
The report recorded 766 anti-Semitic incidents perpetrated with or without weapons, including arson, vandalism and direct threats against Jewish persons or institutions, mostly in Western Europe. Compared with the 554 recorded anti-Semitic incidents in 2013, this consists of a sharp 38-percent increase. By: AP and United with Israel Staff
http://unitedwithisrael.org/european-union-appoints-new-coordinator-to-combat-continents-rabid-anti-semitism
====================
Alain Ghozland French Jewish Politician Murdered in Home Invasion. Anti-Semitic attack or robbery gone bad? A French Jewish politician was found stabbed to death in his apartment. Alain Ghozland, a Jewish French politician, was murdered in a Paris suburb on Tuesday, in an incident authorities believe to be a robbery gone bad. Ghozland, 73, a municipal councilor in Creteil, a southeastern suburb of Paris, was found dead by his brother on Tuesday morning with multiple stab wounds. His apartment was ransacked by the assailants. His car was missing form the parking lot.
Le Figaro reported that police have found signs of forced entry into the apartment. Police have reportedly not ruled out anti-Semitism as the reason for Ghozland’s murder. The French Jewish CRIF (Conseil Représentatif des Institutions Juives de France) umbrella organization described Ghozland as a “prominent leader of the local Jewish community.” Creteil has been the site of an anti-Semitic robbery in the past. A Jewish couple was raped and robbed in December 2014 by robbers who said they were targeted because they were Jews.
The Jewish community in France in recent years has been the target of several Islamic attacks.
A Jewish teacher was attacked by and Islamic State (ISIS) supporter on Monday in Marseilles.
The most notable attack on the French Jewish community occurred last January when an Islamic terrorist entered a kosher market in Paris and murdered four Jews.
The wave of Islamic terror in France and the mounting menace of anti-Semitism have driven French Aliyah (immigration) to Israel to a record high.
http://unitedwithisrael.org/french-jewish-politician-murdered-in-home-invasion =====================
QUANDO C'è UN CONTENZIOSO? POI, IL GIUDIZIO DI UN ATTO POLITICO NON è MAI UNIVOCO: per tutti, MA, io NON CREDO CHE QUALCUNO NON SAREBBE IMPAZZITO, o avrebbe potuto sopravvivere dopo 66 ANNI DI MINACCIE DI MORTE DELLA LEGA ARABA: contro di lui! PERCHé LA LEGA ARABA NON HA mai CAMBIATO LA SUA NATURA maligna, CONTRO ISRAELE, MA HA CAMBIATO CAMALEONTICAMENTE SOLTANTO LA SUA STRATEGIA ipocrita! Waze Israeli Startups Sold for a Massive $9 Billion in 2015. House Speaker Paul Ryan     US Congress Approves Greater Oversight of Iran Nuclear Deal. Restaurant Offers Incentives to Bring Jews and Arabs Together Encouraging a Peaceful Coexistence     WATCH: Bridging the Jewish-Arab Divide One Restaurant at a Time. Paraguay Floods     Israel Aids Flood-Stricken Paraguay and So Much More! Heron TP     Germany Chooses Israeli Drones for its Army
 =============
Se ISRAELE avesse dovuto rispondere alla violenza ricevuta, in modo proporzionale, secondo il diritto internazionale? OGGI NON SOLO NON ESISTEREBBERO PIù I PALESTINESI, MA, NEANCHE LA LEGA ARABA ESISTEREBBE PIù! che questo male agli ebrei, e a tutti i popoli del mondo, soltanto i Farisei Rothschild spa FED BCE FMI Banche CEntrali sistema massonico satana il gufo lo potevano fare a tutti.
===============
RE: [4-8007000010131] EvolutionxCrimeIdeological@gmail.com ] QUESTA RISPOSTA MI è GIUNTA FUORI CONTESTO! MI ERA GIà STATA INVIATA, tempo fa [ ma, perché non mi rispondono mai, circa come, io posso rientrare in possesso, del mio "lorenzoJHWH" il mio primo canale? IO NON HO UNA MAGIA NEI MIEI CANALI, ECCO PERCHé, COME VOI LI CHIUDETE SI STRINGE IL CAPPIO INTORNO AL VOSTRO COLLO! MI HANNO CHIUSO IN YOUTUBE due canali di cui, io avevo perso i codici di accesso, chiusi forse per inattività: 1. uniusrei 2. unisrei3, erano 5 anni, che non riuscivo ad accedere, che penalizzazione potevano avere? eppure me li hanno distrutti lo stesso!
=================
LA TURCHIA DI ERDOGAN è DIVENTATA, UNA TOTALE MENZOGNA, una finzione, UN CRIMINE TOTALE DI TERRORISMO, TUTTO IL GENERE UMANO è MINACCIATO, dalla LEGA ARABA e dalla TURCHIA ORA! Perché tutte le Nazione tranne la Russia fanno finta di essere gli stupidi? PERCHé NON PROTESTANO DI FRONTE A QUESTE MENZOGNE? ISTANBUL, 15 GEN - "I terroristi sono delle pedine manipolate da chi non vuole una Turchia forte". Lo ha detto il vicepremier di Ankara, Numan Kurtulmus, parlando alla tv privata Haberturk dell'attacco di martedì a Istanbul. "Ogni volta degli attentati ben preparati e perpetrati in date strategiche cercano di mandare un messaggio alla Turchia, come se tutto questo fosse pianificato da qualche parte", ha sostenuto, denunciando un tentativo di "sabotare l'economia e impedire le riforme politiche e democratiche" per impedire che "la Turchia sia un attore importante in Medio Oriente, soprattutto sulle questioni siriane e irachene". Il premier Ahmet Davutoglu aveva già evocato "attori segreti" dietro l'attacco di Sultanahmet, ipotizzando a sua volta che l'Isis possa essere stato solo una "pedina".
======================
TUTTA LA MALVAGITà DEL NUOVO ORDINE MONDIALE, IL GUFO SPA FED BCE, SPA FMI, CHE VUOLE TRASFORMARE TUTTO IL GENERE UMANO, IN UN SOLO BRANCO DI SCHIAVI .. MOSCA, 15 GEN - Il governo russo sarà costretto a tagliare le spese, "a rinunciare o rimandare" alcuni progetti e a ridurre "il personale dell'apparato statale": lo ha detto il premier Dmitri Medvedev in una seduta del Consiglio dei ministri sul budget federale del 2016.
IL RICATTO MONETARIO DEI FARISEI è LA PIù POTENTE ARMA DI DISTRUZIONE DI MASA DELLA STORIA, BISOGNA FARE DI TUTTO PER RIMOVERE A QUESTI DEMONI, IL LORO POTERE MONETARIO, ANCHE GIACOBBE CHIAMATO ISRAELE, INVOCò IN GENESI 40, LA MISERICORDIA DI DIO: A SUA PROTEZIONE, CONTRO LA MALVAGITà DI UN SUO FIGLIO!
========================
è CHIARO LA arabia SAUDITA HA VOLUTO UCCIDERE QUESTI SOLDATI! TUTTA LA GALASSIA DI TERRORISTI, IMPLEMENTA LA GEOPOLITICA SAUDITA, E TUTTI SONO TERRORIZZATI PERCHé DIETRO DI LORO, ai sauditi? CI SONO I SACERDOTI DI SATANA BUSH E KERRY! Shabaab attacca base Unione Africana in Somalia: strage di soldati. 12:34 15.01.2016. Assalto da parte di decine di miliziani somali ad una base militare nel sudest del Paese: uccisi almeno 50 soldati. Kenya, musulmani proteggono cristiani da Al Shabaab. Decine di terroristi del gruppo fondamentalista al Shabaab hanno attaccato questa mattina una base militare dell'Unione Africana nel sudest della Somalia, vicino al confine kenyano. A confermarlo funzionari dell'esercito somalo, mentre è stata la BBC a riferire degli annunci del gruppo terroristico, secondo cui la base è al momento sotto il loro totale controllo, al termine di ore di combattimenti in cui sarebbero rimasti uccisi, questo il bilancio definitivo reso noto da al Jazeera, almeno 50 soldati kenyani. Secondo quanto riferito da fonti militari kenyane, che gestiscono la base dove sono presenti forze di peacekeeping dell'Unione Africana, i terroristi avrebbero usato un'autobomba come ariete per penetrare nella struttura, aprendo poi il fuoco sul personale militare presente.
Al Shaabab, gruppo estremista presente in Somalia e Kenya si ispira al wahabismo al pari dell'Arabia Saudita ed è affiliato ad Al Qaeda dal 2012: http://it.sputniknews.com/mondo/20160115/1892580/shabaab-unione-africana-attacco-somalia.html#ixzz3xJROU8WB
====================
è CHIARO LA arabia SAUDITA HA VOLUTO UCCIDERE QUESTI SOLDATI! PERCHé è LA ARABIA SAUDITA, CHE, MINACCIA DI MORTE LA LEGA ARABA E TUTTE LE NAZIONI DEL MONDO! Shabaab attaccano base Unione africana, 50 militari uccisi. Sparatoria in corso al confine con il Kenya. 15 gennaio 2016. CHI HA TRADITO QUESTI RAGAZZI? PARLO, sia DI TRADIMENTO INTERNO, che anche DI TRADIMENTO ESTERNO, CHE è TUTTO UN COMPLOTTO SAUDITA LEGA ARABA! Decine di terroristi somali del gruppo Al Shabaab hanno attaccato una base dell'Unione africana nella zona sud occidentale della Somalia, vicino al confine con il Kenya. Lo ha annunciato un funzionario dell'esercito somalo precisando che l'attacco è ancora in corso. La base ospita peacekeeper ed è gestita dall'esercito kenyano. Stando alle prime ricostruzioni, i terroristi sono riusciti a fare irruzione nella base con un'autobomba e poi hanno cominciato a sparare all'impazzata. Per Al Jazeera, almeno 50 militari kenyani sono rimasti uccisi.
   ================
QUESTA di Erdogan è una minaccia CRUDELE, una intimidazione contro l'ordine indipendente del potere giudiziario.. che, poi, lo sappiamo tutti, è stato Erdogan a spingere i Curdi alla disperazione, perché è il genocidio nei suoi propositi! IO PRETENDO CHE: UE E NATO E USA, prendano subito, una drastica decisione. Perché i docenti vogliono pacificare la società, ed Erdogna vuole continuare lo scontro sociale! MA GLI ISLAMICI LEGA ARABA NON CREDONO IN UNA SOCIETà PLURALE! ISTANBUL, 15 GEN - "Solo perché hanno titoli come professore o dottore davanti ai loro nomi non significa che siano illuminati. Queste persone sono oscure, crudeli e vili.     Chi sostiene i massacri del Pkk contribuisce ai suoi crimini. Ho invitato i giudici a fare subito tutto ciò che serve". Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan sugli accademici arrestati oggi per aver firmato l'appello per una soluzione pacifica al conflitto curdo
=====
e come fai a non rimpiangerti, SE IL NUOVO ORDINE MONDIALE TI AGGREDISCE? QUESTA INTERVISTA è LA PIù POTENTE ACCUSA CONTRO IL SISTEMA BANCAIO SPA MASSONICO: CHE STRITOLA TUTTI I POPOLI, ED INTIMIDISCE I POLITICI CON LA USURA! NEW YORK, 15 GEN - Sean Penn rompe il silenzio e parla a '60 minutes' della Cbs dicendo di avere un "terribile rimpianto" per il suo incontro con El Chapo Guzman. "Ho il rimpianto che le polemiche su questa vicenda abbiano oscurato quello che era il mio vero scopo - spiega - ossia quello di contribuire al dibattito sulle politiche per la lotta alla droga". "Vorrei essere chiaro, il mio articolo ha fallito", continua, riferendosi al pezzo uscito sulla rivista Rolling Stone. La sua intervista a El Chapo andrà in onda in formato integrale domenica sera
================
SOLTANTO QUESTI TITOLI INDICANO CHIARAMENTE, DOVE, da quale parte STA, LA PARTE MARCIA DELLA STORIA! 1. Angela Merkel l'ANTICRISTO, dice sì al prolungamento delle sanzioni UE contro la Russia, 2. DWN: il massonico sistema Merkel – forza motrice delle sanzioni alla Russia, 3. Merkel PRavy Sector bildenberg, mette in guardia dal pericolo di una guerra in Europa: 4. La Merkel si piega agli USA e dà il via libera all'aumento delle spese militari: http://it.sputniknews.com/politica/20160115/1896493/Germania-NATO-Russia-Geopolitica-Occidente.html#ixzz3xKY0sZMX 
===============
Bush Satana Kerry Farisei Obama GENDER Rothschild vampiro SALMAN ERDOGAN ] ma se, in questi 7 anni, in youtube non avete mai vinto contro lorenzoJHWH, il King in Israele MAI NEANCHE UNA VOLTA, ma, come, voi potere uscire cadaveri, impostando, uno scontro contro Unius REI? VOI NON AVETE UNA SOLA POSSIBILITà DI SOPRAVVIVERE A ME!
==================
13 Gennaio 2016 Deputati della Crimea, E DI TUTTO IL MONDO CIVILIZZATO CHIEDONO ALLA MERKEL HITLER: PRAVY SECTOR, chiedono di fermare le azioni da genocidio dell'Ucraina CIA NATO: CONTRO I RUSSOFONI, PERCHé CHIEDERLO AGLI ALTRI CHE NON COMANDANO UN CAZZO? NON SERVE A NIENTE! http://it.sputniknews.com/mondo/#ixzz3xFdGjYqU

Hillary Clinton, MA, io credo nel pluralismo ideologico culturale identitario di ogni tipo, perché l'arcobaleno deve avere tutte le luminose vibrazioni, ed io non disprezzo le competenze di nessuno! IO NON HO DIFFICOLTà A COLLABORARE CON CHI è IN DISACCORDO CON ME! l'importante è avere uno slancio di universale altruismo, CHE è un concetto di giustizia universale! IO NON SONO IL TIPO CHE GIUDICA LE PERSONE, SUL PETTEGOLEZZO O SUL LORO PASSATO.. IO NON MI FIDO DI NESSUNO, PERCHé LE PERSONE IO LE VOGLIO CONOSCERE PERSONALMENTE!
stopped terrorism from Sharia law ] "ALLELUIA GLORIA A DIO PER SEMPRE" said BENNY HINN [ ideologia massonica Talmud Darwin: gli schiavi goym: animali evoluti dalla forma umana? ha stravolto i valori dell'etica laica, ma, anche la Morale è stata profanata, con la ideologia del gender, che ha stravolto i fondamenti spirituali e naturali della nostra società, che, tutte le volte che, hanno distrutto i valori trascendenti laici, di quello che Dio rappresenta, in modo ideale valoriale, la sacralità della vita? gli uomini hanno fatto le bestie, e di sangue, sono state sporcate le strade di tutte le Nazioni! E CHE DIRE DELLA NUOVA INVASIONE BARBARICA DI STUPRATORI NAZISTI ISLAMICI SHARIA: CONTRO GLI INFEDELI SCHIAVI DHIMMI? ONU UE OCI, TURCHIA, ARABIA SAUDITA, USA, SPA FED, REGIME BILDENBERG, MERKEL E NATO, SI STANNO RENDENDO RESPONSABILI DEL PIù DEVASTANTE BAGNO DI SANGUE DELLA STORIA DEL GENERE UMANO!

ERDOGAN OBAMA SALMAN ] [ in effetti se tu non fossi un criminale? poi, non ne soffriresti!
che per distruggermi il canale di "Merkel Dhimmi?"? senza video? poi, mi hanno distrutto tutti i canali youtube di quell'account! ora in questo account "allChristianMartyrs@gmail.com"? io ho 4 canali youtube: tutti in buona salute, senza penalizzazione! ECCO PERCHé POI, TANTE PERSONE SI AMMALANO GRAVEMENTE IN TUTTO IL MONDO!
=============
 SI, soltanto una BURRASCA di TEATRINO, nel BICCHIERE DELLA MASSONERIA: niente che possa fermare la guerra mondiale nucleare! ] [ "Non ci facciamo intimidire. L'Italia merita rispetto". Così replica, il figlio_ Matteo Renzi al padre: Jean Claude Juncker, "Flessibilità dall'Ue solo dopo molte insistenze da parte dell'Italia", avrebbe sottolineato il premier. QUESTI POLITICI FINTI, MASSONI SPA FED: REALI NWO? STANNO GIOCANDO CON LA VITA DEL GENERE UMANO!
============
ok se BELUSCONI SILVIO: lui è un vero ITaliano patriota? 1. deve condannare la massoneria, 2. deve rivendicare la sovranità monetaria di: scienziato Giacinto Auriti, solo così potremo attenderci un futuro senza angoscia, per il popolo italiano! ] DIVERSAMENTE FAREBBE MEGLIO A RITIRARSI DALLA POLITICA [ Milano:parte campagna Fi senza candidato
===================
A QUESTO PUNTO LA EUROPA SI DEVE SPACCARE IN DUE, ANCHE LA NATO DEVE ESSERE DISTRUTTA! NON POSSIAMO SEGUIRE USA E GERMANIA IN QUESTA LORO FOLLIA, CHE CI PORTERà AUTOMATICAMENTE ALLA GUERRA MONDIALE, E NON POSSIAMO ESSERE I COMPLICI DEI DELITTI DI TURCHIA E ARABIA SAUDITA, CHE SONO LORO CHE DIFFONDONO IL TERRORISMO MONDIALE! E LA GERMANIA SA MEGLIO DI TUTTI CHE STA FACILITANDO IL TERRORISMO ISLAMICO NEL MONDO, MA, PERSEGUE LA DISTRUZIONE DEI PIù FONDAMENTALI INALIENABILI VALORI DEMOCRATICI. Berlino pronta a perdonare tutto ad Erdogan purchè non ceda nulla alla Russia. 15.01.2016( La linea politica perseguita dal presidente della Turchia non consente di considerare Ankara un partner adeguato in Europa, tuttavia il governo tedesco preferisce ancora lasciare mano libera ad Erdogan, scrive “Deutsche Welle”. Il governo tedesco è perfettamente cosciente che le azioni del presidente turco Recep Tayyip Erdogan esulano di molto da quelle di uno Stato di diritto, ma nelle attuali circostanze la Germania non ha altra scelta che collaborare con lui, scrive "Deutsche Welle". I deputati dell'opposizione parlamentare tedesca hanno ripetutamente evidenziato la moltitudine di "peccati" di Erdogan, sottolineando che la guerra contro i curdi, l'arresto dei giornalisti dissidente e la fornitura di armi ai terroristi del Daesh (ISIS) sono ragioni sufficienti per rinunciare all'idea di una stretta collaborazione con Ankara, scrive la rivista. Queste affermazioni non scuotono i membri della coalizione di governo.
"Sì, Erdogan perseguita i curdi e si lava le mani sulla libertà di espressione, in questa aula nessuno lo mette in dubbio", — ha detto Karl-Heinz Brunner, rappresentante della SPD nell'ultima riunione del Bundestag. Ciononostante la Turchia, così come l'Arabia Saudita, sono considerate da Berlino come una sorta di "ancora di stabilità" nella regione mediorientale. La Germania insiste sul fatto che mantenere le partnership con questi Paesi sia l'unico modo per contrastare il terrorismo, prevenire l'escalation delle tensioni e risolvere il problema dei profughi, scrive "Deutsche Welle". Ma c'è un altro motivo per la cooperazione della Germania con quei Paesi le cui politiche violano i principali valori europei. Secondo l'esperto tedesco di politica estera e deputato della Cdu Roderich Kiesewetter, rafforzando i legami con la Turchia e l'Arabia Saudita, la Germania sta cercando di assicurarsi che la situazione in Medio Oriente, regione legata agli interessi dell'Europa, non venga controllata da Stati come la Russia e l'Iran: http://it.sputniknews.com/politica/20160115/1898184/Iran-Medioriente-Geopolitica-Germania-Europa-Turchia-ArabiaSaudita-UE.html#ixzz3xLEm24rS
La Germania SARà RASA AL SUOLO NUOVAMENTE, avrà esattamente quello che merità. In fondo i tedeschi storicamente non sono diversi dai turchi.... La Germania non appena ha finito di leccarsi le ferite vuole essere nuovamente bastonata , 1918 - 1945, la prossima nel 2016? LA GERMANIA IN EUROPA è SEMPRE STATA UNA MALEDIZIONE!
IN USA hanno il culto legalizzato di satana ] [ e per sharia Allah Saudi ARABIA ERDOGAN? va bene così! UNA SOLA FAMIGLIA DI DEMONI!





(di Roberto de Mattei)  In una lunga intervista, apparsa il 30 dicembre sul settimanale tedesco Die Zeit, il cardinale Gerhard Ludwig Müller, Prefetto della Congregazione per la Fede, solleva un questione di cruciale attualità. La fede cattolica non si offende … Continua a leggere

Politica estera

Il capo dell’esercito svizzero: «prepariamoci a conflitti, crisi e catastrofi»

generale Blattmann (di Mauro Faverzani) Ci si può esercitare in filosofie, cimentarsi in acrobazie dialettiche o sfoderare un arsenale di retorica; a parlar chiaro è, invece, il capo dell’esercito svizzero, il generale André Blattmann, nel suo intervento apparso sul giornale Schweiz …

Eutanasia

Si restringe l’obiezione di coscienza in Belgio

eutanasia (di Tommaso Scandroglio) A Diest, in Belgio, la casa di cura cattolica St. Augustinus è stata citata in giudizio dai parenti della signora Mariette Buntjens, una 74enne malata di cancro, perché non ha permesso l’accesso al medico che avrebbe praticato l’eutanasia …

Chiesa cattolica

San Pietro Canisio: preghiera per conservare la vera fede

san Pietro Canisio In questo momento di confusione, riportiamo il testo della Preghiera per conservare la vera Fede scritta da san Pietro Canisio S. J. (1521-1597), olandese e primo gesuita della provincia germanica, nonché proclamato Dottore della Chiesa da Pio XI nel 1925. (altro&helli…

Chiesa cattolica

“Troppo” cattolico, mons. Negri sotto attacco

mons.luigi-negri (di Mauro Faverzani) Più che un appello, sembra una sentenza: la lettera, spedita in fretta e furia in Vaticano – in particolare, al Papa ed alla Cei –, per cavalcare l’onda mediatica (prevedibilmente favorevole), ha lasciato diverse questioni aperte sul tappeto.…

Bioetica

La Fondazione Veronesi apre alla maternità surrogata per gli omosessuali

Comitato etico della Fondazione Veronesi (di Tommaso Scandroglio) Il Comitato etico della Fondazione Veronesi si è espresso con un parere su un tema che è al centro di forti dibattiti, il tema della maternità surrogata. Tale pratica prevede che una donna, quasi sempre dietro compenso, si faccia carico della…

Cultura

I Magi e l’Epifania del Signore

LADORAZIONE DEI RE MAGI-ANTONIO BALESTRA (di Cristina Siccardi) Siamo ancora nel Presepe. Gesù è nato. I pastori, avvertiti dall’Angelo, sono giunti nella Notte Santa per adorare Colui che spaccò la storia umana e portò la Salvezza. I primi a sapere della nascita del Salvatore furono alcuni pastori del p…

Cultura

Un libro contro la tentazione del sedevacantismo

True_False_Pope-800x800 (di Emmanuele Barbieri) In un’ora storica di profonda confusione all’interno Chiesa, vanno prendendo piede le teorie di coloro che sostengono l’esistenza di una “Sede vacante”, ovvero dell’assenza di Pontefici legittimi da cinquant’anni a questa parte. Per…

Corrispondenza romana

Onorio I: il caso controverso di un Papa eretico

Onorio-I (Roberto de Mattei) Il caso di papa Onorio è uno dei più controversi della storia della Chiesa. Come giustamente osserva lo storico della Chiesa Emile Amann, nella ampia voce che dedica alla Question d’Onorius nel Dictionnaire de Théologie Catholique (vol. VII, co…

Eutanasia

Il registro delle Dat a Treviso: più facile l’eutanasia in Italia?

14665-detail-biotestamento (Tommaso Scandroglio) Non c’è solo il gender, la comunione ai risposati civilmente e l’aborto che dovrebbero preoccupare i cattolici, ma anche l’eutanasia. La spinta ideologica verso la dolce morte continua a tutti i livelli culturali, politici, giuridici ed anc…

Eutanasia

Usa: salvato in extremis dall’espianto d’organi 

George Pickering III (Alfredo De Matteo) Il concetto di morte cerebrale, lungi dal soddisfare pienamente i criteri di accertamento della morte (storicamente determinata dalla cessazione di tutte le funzioni vitali di un organismo umano), fu elaborato nel 1968 da un comitato dell’Harvard M…

Aborto

La Corte costituzionale apre all’eugenetica di Stato

eugenetica (di Tommaso Scandroglio) Il 10 novembre scorso è stata depositata una sentenza della Corte costituzionale, la n. 229, che ancora una volta concerne il tema della fecondazione a

Per il quotidiano Avvenire la legge 194 funziona…

Il premier spagnolo Rajoy fa il pro-life in casa e l’abortista nel mondo

Traffico di organi della International Planned Parenthood Federation

Chiesa Cattolica

La fede cattolica non si offende solo con l’eresia

Indifferentism (di Roberto de Mattei)  In una lunga intervista, apparsa il 30 dicembre sul settimanale tedesco Die Zeit, il cardinale Gerhard Ludwig Müller, Prefetto della Congregazione per

San Pietro Canisio: preghiera per conservare la vera fede

“Troppo” cattolico, mons. Negri sotto attacco

Onorio I: il caso controverso di un Papa eretico

Omosessualismo

I media intensificano gli attacchi contro la moralità

io_e_lei (di Alfredo De Matteo) La battaglia istituzionale e politica per imporre al Paese le unioni omosessuali è solo l’obiettivo più importante di una guerra a tutto campo con

I fan di “Guerre Stellari” si ribellano al nuovo personaggio gay

L’europarlamento incalza l’Italia sulle unioni gay

L’Africa ribadisce il suo no all’omosessualità

Cultura

I Magi e l’Epifania del Signore

LADORAZIONE DEI RE MAGI-ANTONIO BALESTRA (di Cristina Siccardi) Siamo ancora nel Presepe. Gesù è nato. I pastori, avvertiti dall’Angelo, sono giunti nella Notte Santa per adorare Colui che spaccò la storia umana e

Un libro contro la tentazione del sedevacantismo

FONDAZIONE LEPANTO: conferenza di mons. Athanasius Schneider sul matrimonio

Le grazie del Giubileo in un’epoca di crisi

Politica Estera

Il capo dell’esercito svizzero: «prepariamoci a conflitti, crisi e catastrofi»

generale Blattmann (di Mauro Faverzani) Ci si può esercitare in filosofie, cimentarsi in acrobazie dialettiche o sfoderare un arsenale di retorica; a parlar chiaro è, invece, il capo dell’eser

Un’epoca nuova si apre per la Francia, ma quale?

Il voto greco è il simbolo del fallimento europeo

Il trionfo di Tsipras e il fallimento dell’Unione Europea

Letture

Un libro di Giovanni Turco: Costituzione e Tradizione

costituzione e tradizione (di Cristina Siccardi) Essendo l’Universo ordinato secondo criteri e principi, anche le società umane, piccole o grandi che siano, sono obbligatoriamente tenute a stabilire c

Lettere a un figlio sull’educazione

Il Diario di mons. Canovai

Riflessioni su “Cristo giudice” di Paolo Pasqualucci

International News

Cardinal-Burke-with-rosary-768x474

Join Cardinal Burke in rosary crusade for Church and society

(Steve Weatherbe, LifeSiteNews) – Cardinal Raymond Burke is calling on faithful Catholics to “storm heaven” by joining with him once a month in the Mass and the rosary to

Cardinal Burke calls final synod doc ‘deceptive in a serious way’

Vatican bishop: Pope’s view on global warming is as authoritative as the condemnation of abor...

Bruxelles, défis pour l’avenir et bilan du passé. Les propos de Mgr Léonard, archevêq...

Papal critics threatened with excommunication as “Year of Mercy” begins

Le Pape François a déclaré qu’il est de notre devoir moral d’accueillir des réfugiés e...

Attentats musulmans : Le pire est à venir !

Exclusif : Le cardinal Sarah répond à des contradicteurs

De Mattei: The Pharisees and Sadducees of our time

Entretien avec Roberto de Mattei: « Le Rapport final du Synode est un mauvais document »

Trois millions de migrants attendus en Europe d’ici 2017

Letter to the Catholic Academy



il Kosovo, un altra vittima degli islamici Bildenberg, Dimitrije Janicijevic, 35 anni, è un martire della fratellanza universale: Una rappresaglia, DOPO Il Progetto di Abolire Nel Paese le Divisioni etniche. chi ha interesse a pescare nel torbido, delle differenze etniche e religiose può essere csoltanto, il complotto salafita ottomano, wahhabita. di una assolutamente criminale Lega Araba, EU, Onu, USA, il sistema massonico Bildenberg, che, negano la libertà di religione, in favore dei nazisti islamici della LEGA ARABA, perché, persegue il genocidio, culto sharia, per il Califfato mondiale. dallo omicidio di Gesù, commissionato da farisei anglo-americani, Illuminati, JaBullOn, del sistema massonico, di BCE, FED, FMI, Spa, OGM, DATAGATE, il grande fratello, il sistema massonico, dal signoraggio bancario rubato, alla distruzione della civiltà ebraico-cristiana, la imminente morte di Israele! ]
http://ilpiccolo.gelocal.it/cronaca/2014/01/17/news/politico-serbo-assassinato-in-kosovo-1.8480422
Politico serbo assassinato in Kosovo

BELGRADO. Assassinio per mano di qualche gruppo criminale, oppure omicidio politico, pianificato da qualche estremista (leggi: progetto geopolitico saudita di accerchiamento della Europa Cristiana), che, vuole destabilizzare l'area. Impossibile al momento fare luce su un fatto di sangue che ha scosso ieri il Kosovo. La vittima, Dimitrije Janicijevic, 35 anni, consigliere comunale a Mitrovica Nord, ucciso davanti a casa. Cinque i colpi sparati da ignoti nella notte tra mercoledì e giovedì contro il giovane politico serbo, esponente della Samostalna liberalna stranka, il Partito liberale indipendente (Sls), e fra i candidati a ricoprire la carica di sindaco nella recente, storica, tornata elettorale locale di novembre-dicembre nella roccaforte dei serbi del Kosovo: assassinio politico.
16/01 17:24 CET. in Kosovo E Stato assassinato di Fronte alla SUA Abitazione. L'Omicidio sembra Una rappresaglia, DOPO Il Progetto di Abolire Nel Paese le Divisioni etniche. Era Stato Eletto consigliere municipale alle Elezioni del novembre scorso Dell'Anno.
Copyright © 2014 euronews
http://it.euronews.com/2014/01/16/kosovo-assassinio-politico/

agenzianova.com/a/52d8181768dcf3.89423998/744507/2014-01-16/kosovo-tensione-a-mitrovica-nord-dopo-l-omicidio-del-consigliere-comunale-janicijevic

Kosovo: tensione a Mitrovica nord dopo l'omicidio del consigliere comunale Janicijevic
Pristina, 16 gen 18:08 - (Agenzia Nova) - Sale la tensione a Mitrovica nord, città roccaforte dell'enclave serba in Kosovo, dove nella notte tra ieri e oggi è stato assassinato a colpi d'arma da fuoco Dimitrije Janicijevic, consigliere dell'Assemblea municipale eletto dalle fila del Partito liberale indipendente (Sls), formazione politica favorevole all'integrazione della regione settentrionale a maggioranza serba nelle istituzioni di Pristina.
gennaio 18, 2014 di byebyeunclesam, Natale ortodosso in Kosovo Metohija,
Dopo il giorno di ricorrenza dei morti a novembre, in Kosovo Metohija le genti hanno vissuto spiritualmente la ricorrenza del Natale ortodosso il 7 gennaio. E, come profonda tradizione nella cultura e spiritualità slava, e serba in questo caso, non c'e' molta differenza tra credenti e laici; sono giorni ove ciascuno pur vivendoli in forme esteriori differenti, li vive interiormente come riflessioni/meditazioni nell'anima. Di questo ne sono testimone oculare per vita vissuta con loro, con Padri, ferventi credenti o figure laiche di onesti socialisti, di profondi patrioti, di integerrimi sindacalisti, diversi tra loro per visioni di società o idee politiche, ma fratelli e sorelle, compagni di situazioni che abbiamo vissuto e condiviso insieme, ai limiti delle nostre stesse vite…ciascuno possiede nell'anima radici spirituali profonde e saldissime. Anche questo, piacendo o non piacendo a taluni esperti di Serbia virtuale, e' il popolo serbo, e forse, ANCHE grazie a queste radici, che ha resistito per 17 anni alle aggressioni straniere ed ancora oggi resiste nel Kosovo. Forse in modo ancora più profondo, ciò avviene nella tragica realtà dei serbi del Kosovo, prigionieri in una moderna forma di apartheid: le enclavi; una realtà dove nessuno dei diritti fondamentali dell'uomo sanciti nella Carta delle Nazioni Unite e' rispettato, ancor di meno quelli sanciti nei primi dieci Articoli dei Diritti dell'Infanzia. Nel momento in cui il Consiglio Europeo discute, minaccia, sanziona circa i diritti umani in Siria, nel Kosovo Metohija, stato artificiale ed illegale, il mondo dovrebbe vedere cosa ha inventato e mantiene: una società dove la profanazione di tombe di famiglia, di luoghi sacri, di monasteri e luoghi spirituali e' quotidiana, e dove, da anni, vengono quotidianamente attaccati, vandalizzati, distrutti."
I giorni della spiritualità e del raccoglimento vissuti nel Kosovo martoriato, di Enrico Vigna continua qui.

I giorni della spiritualita'e del raccoglimento vissuti nel Kosovo martoriato -
Vigna Enrico
Dopo il giorno di ricorrenza dei morti a novembre, in Kosovo Metohija le genti hanno vissuto
spiritualmente la ricorrenza del Natale ortodosso il 7 gennaio. E, come profonda tradizione nella
cultura e spiritualita' slava, e serba in questo caso, non c'e' molta differenza tra credenti e laici;
sono giorni ove ciascuno, pur vivendoli in forme esteriori differenti, li vive interiormente come
riflessioni/meditazioni nell'anima.
Di questo ne sono testimone oculare per vita vissuta con loro, con Padri, ferventi credenti o figure
laiche di onesti socialisti, di profondi patrioti, di integerrimi sindacalisti, diversi tra loro per visioni
di societa' o idee politiche, ma fratelli e sorelle, compagni di situazioni che abbiamo vissuto e
condiviso insieme, ai limiti delle nostre stesse vite...ciascuno possiede nell'anima radici spirituali
profonde e saldissime. Anche questo, piacendo o non piacendo a taluni esperti di Serbia virtuale, e'
il popolo serbo, e forse,
ANCHE, grazie a queste radici, che, ha resistito per 17 anni
alle aggressioni straniere ed, ancora oggi, resiste nel Kosovo.
.
Forse in modo ancora piu' profondo, cio' avviene nella tragica realta' dei serbi del Kosovo,
prigionieri in una moderna forma di apartheid: le enclavi; una realta' dove nessuno dei diritti
fondamentali dell'uomo sanciti nella Carta delle Nazioni Unite e' rispettato, ancor di meno quelli
sanciti nei primi dieci Articoli dei Diritti dell'Infanzia. Nel momento in cui il Consiglio Europeo
discute, minaccia, sanziona circa i diritti umani in Siria, nel Kosovo Metohija, stato artificiale ed
illegale, il mondo dovrebbe vedere cosa ha inventato e mantiene: una societa' dove la profanazione
di tombe di famiglia, di luoghi sacri, di monasteri e luoghi spirituali e' quotidiana, e dove, da anni,
vengono quotidianamente attaccati, vandalizzati, distrutti.
Cosi' e' stato a novembre nel giorno dedicato al ricordo dei propri cari scomparsi; la realta' dei
cimiteri e luoghi sacri nel Kosovo Metohija e' la fotografia della realta' della vita quotidiana dei
serbo kosovari. Quanti sanno, conoscono, che dal 2013 il " diritto " per un serbo, di visitare le
tombe dei propri cari, e' passato da DUE (2) volte all'anno a UNA (1) volta all'anno; si' perche' dal
2008 ( anno della secessione illegale dalla Serbia), solo in questo modo, in questa regione i serbi
possono visitare i propri cimiteri e pulire le lapidi e tombe, dove nell'arco dell'anno crescono
erbacce, rovi; oltre a levare escrementi e anche maiali, fatti pascolare provocatoriamente tra le
tombe, il tutto sotto scorta militare e spesso ingiuriati dai locali albanesi. Le stesse tombe e lapidi
che, se scampate alle devastazioni e alle profanazioni di questi 14 anni di " democrazia" vengono
costantemente spaccate, violate a colpi di mazze.
Nel cimitero del paese di Istok ( dove vivono solo piu' alcune famiglie serbe), oltre 100 tombe e
lapidi sono state distrutte
Il cimitero di Peć, uno dei più grandi cimiteri ortodossi in Kosovo,
è stato trasformato in una discarica dove gli Albanesi gettano i loro rifiuti.
I vandali hanno distrutto non solo le lapidi in marmo, ma anche bare e molti corpi e ossa dei defunti
sono stati estratti e portati via.
A Prizren 50 tombe sono state profanate al locale cimitero ortodosso nel corso degli ultimi mesi, ha
denunciato un sacerdote della Diocesi locale, aggiungendo che la profanazione e' avvenuta appena
una settimana dopo che i vandali avevano profanato circa 50 tombe nel cimitero ortodosso di
Kosovo Polje.
Altre tombe sono state profanate a Klokot (distrutte 27), Milosevo, Plemetina e Priluzje, qui e'
stato usato dell'esplosivo per fa saltare una pietra tombale appartenente ad una famiglia serba
locale.
Anche questo fa parte della realta' dei serbi resistenti nella propria terra, anche queste umiliazioni
sono pane quotidiano, con l'obiettivo di ferire, violentare e annientare le loro identita' spirituali e
religiose, che qui piu' che altrove, si fondono con la loro identita'
nazionale e culturale.
Nell'ultimo viaggio di solidarieta' anche questo veniva denunciato e raccontato, sottolineando che
anche questo minava ed erodeva la compattezza e unita' delle genti serbo kosovare, infatti dopo 14
anni di queste umiliazioni e vessazioni materiali e morali, alcuni hanno deciso di portare via i resti
dei propri cari e portarli in Serbia; mentre altri ritengono che fare questo, significa la resa totale,
significa consegnare assieme ai propri luoghi sacri, la propria storia, la propria identita', le radici di
un intero popolo e con questo sancire la r
esa al terrorismo, all'arroganza, all'ingiustizia.
Cosi' sono state vissute le giornate dedicate ai morti in quel lembo di mondo e in modo simile sono
passate le giornate della Nativita' dei cristiani.
Quanti ricordano che nel Kosovo Metohija in quattordici anni di "democrazia e liberta" oltre 200
chiese, monasteri e luoghi sacri sono stati vandalizzati e distrutti, alcuni dei quali patrimonio
dell'Unesco, nonostante esistano precisi obblighi internazionali contenuti nella Convenzione sulla
protezione del patrimonio culturale mondiale, adottati alla Conferenza delle Nazioni Unite di
Vancouver nel 1976.
L' Articolo 9 dice: "Il diritto di ciascun paese è quello di essere, con la piena
sovranità, l'erede dei propri valori culturali che sono il frutto della sua storia, ed è suo dovere
farne tesoro come valori che rappresentano una parte inseparabile del patrimonio culturale
dell'umanità...".
Evidentemente per la Serbia questo non vale.
Mappa dei luoghi sacri attaccati e distrutti dai terroristi albanesi, oggi governanti il Kosovo
Nel frattempo da agosto 2013 il responsabile della Kosovo SPU ( polizia del Kosovo) , ha
annunciato che membri di una unità detta Kosovo Security per il patrimonio culturale e religioso, ha
assunto il ruolo di protezione del Patriarcato di Pec e di altri 24 siti religiosi; il Monastero di Decani
e' invece ancora protetto dalle forze internazionali essendo ad alto rischio di attacchi. Cosi', dopo
oltre 200 chiese ortodosse serbe distrutte dal 1999, anno dell' occupazione militare della NATO
della Provincia serba, i piromani vengono messi a proteggere le case incendiate. Queste Unità
speciali della cosiddetta polizia multietnica in Kosovo per la tutela del patrimonio serbo e siti
religiosi, conta circa 200 agenti di polizia agli ordini direttamente del noto criminale di guerra Agim
Ceku ( nel 1992-'95, generale dei secessionisti croati, coinvolto nel genocidio dei serbi della
Krajina ), grande amico e con stretti legami con Stati Uniti e Germania.
Anche per il Natale, a parte un raccoglimento e una gioia spirituale generale e comune, le
condizioni in cui viene celebrato in Kosovo e Metohija oggi, sono molto diverse dalle condizioni in
cui questa festa viene celebrata in qualsiasi altro luogo del mondo.
Essa come il resto della quotidianeita' in quella provincia, e' inserita nella vita di un ghetto, la
realta' delle enclavi, aree delimitate materialmente e protette, dove tutta la vita delle persone ed i
suoi connessi avviene all'interno, fuori e' territorio ostile e nemico, con rischio della vita se si osa
uscirne. Una vita priva di opportunità, dei diritti umani fondamentali, compresa la libertà di
movimento;... anche quella di poter andare liberamente nei boschi per tagliare l'albero di Natale, il
Yule – log, che nella tradizione serba di questa festa, detta il badnjak, consiste nel bruciare un pezzo
di quercia giovane, a forma di tronchetto preso dai boschi. Ma oggi nel Kosovo, per un serbo uscire
dalle'enclave e andare in un bosco li' attorno, potrebbe significare rischiare la vita.
Il 6 gennaio
un autobus con sopra profughi serbi scappati da Djakovica, che stavano tornando a
visitare il paese in occasione del Natale e visitare la locale Chiesa dell 'Assunzione, e' stato
attaccato da manifestanti albanesi ed il loro autobus preso a sassate, spaccandone i vetri e ferendone
alcuni; impedendogli cosi' di vedere la Chiesa, in passato attaccata e danneggiata. A quel punto
sotto scorta dela poliza hanno dovuto andare via verso il Monastero di Decani, protetto dalle forze
internazionali.
Ogni anno la celebrazione del Natale in Kosovo per anni viene usata dai separatisti albanesi per
dimostrare la loro protervia e forza, dimostrando cosi' che i serbi non possono sentirsi liberi nel
proprio paese e non hanno diritto di celebrare liberamente la più gioiosa festa cristiana. Quest'anno
si potrebbe dire che è trascorso tutto bene perché non ci sono state risse o spari, tranne il fatto di
Djakovica ma il cosiddetto stato di Kosovo ha trovato altri modi, ancora più sottili per dimostrare ai
serbi e alla Serbia in che direzione va il loro futuro. Prima hanno rifiutato la richiesta del Presidente
della Serbia Nikolic di partecipare il 7 gennaio alla liturgia di Natale nel Monastero di Gracanica,
poi il giorno di Natale il responsabile del Governo serbo, dell'Ufficio per il Kosovo e Metohija,
A. Vulin, ha dovuto abbandonare la provincia su richiesta della polizia kosovara, per l'alto rischio
di incidenti; nel frattempo la stessa polizia kosovara ha arrestato dopo la liturgia, dieci giovani serbi
che si trovavano con Vulin. "...
È chiaro che si tratta di una provocazione, di una grave violenza.
Ho saputo ufficiosamente che stanno tentando di accusarli di disturbo dell'ordine e della quiete
pubblica, fino addirittura alla trasgressione dell'ordinamento costituzionale. Quando l'accusa è
così vaga, e quando tutto è possibile, sapete che si tratta di pura ingiustizia...",
ha dichiarato
Vulin. Forse sarebbe il tempo di rivendicare i temi della libera celebrazione del Natale, della
libera visita ai cimiteri, ai monasteri o delle proprie terre, perché il Kosovo è l'unico territorio in
Europa dove non esiste la libertà di movimento...Ma dicono che e' democratico.
Tuttavia pur in tali condizioni disumanizzanti, ai bambini nulla può togliere la gioia portata dalla
festa del Natale in sé, ed anche qui in questa terra martirizzata , sono i bambini che riescono ancora
a sentire, nonostante tutto, gioia, la gioia del Natale.
Questi bambini sono invisibili e inesistenti per la cosiddetta " Comunita' internazionale"
occidentale e la sua opinione pubblicain gran parte ormai lobotomizzata, quotidianamente indignata
o preoccupata per "diritti" negati o lesi in Paesi non loro alleati nella visione del mondo; a loro
basta poco per lenire la barbaria di vite negate dentro le enclavi; una festa, una ricorrenza, un dono
piccolo, semplice e in loro si rafforza la voglia, la gioia di vivere, comunque, nonostante tutto,
nonostante terroristi, vandali, criminali, indistintamente sostenuti dai nostri governi di vari colori.
E sono loro, i loro sorrisi, i loro semplici gesti di riconoscenza e affetto, che danno ancora a noi, la
forza dell'impegno alla solidarieta'concreta; che ci danno, insieme alle loro famiglie resistenti, il
senso della vita...o meglio un senso alla nostra vita, in questo occidente opulento e perso dietro
virtualita' e inutilita' esistenziali.
Milica Djordjevic di 8 anni, e' l'ultima bambina rimasta a Prizren, insieme a 22 serbi
Sono loro che ci aiutano a tenere accesa la fiammella della speranza in un mondo diverso e
migliore, con le loro famiglie che ancora non si sono arrese, difendendo le loro radici, i propri
diritti, i propri costumi e tradizioni, ed anche la propria spiritualita'...anche questo e' "resistenza"
alle ingiustizie ed ai potenti del mondo ed alle loro arroganze e violenze.
Tutto questo nel letale silenzio della cosiddetta " comunita' internazionale" occidentale, dei suoi
media, televisioni, giornali, siti web quotidianamente "indignati" per violazioni di "diritti umani"
in alcuni paesi, stranamente muti rispetto ad altri "scomodi", forse perche' allineati e subalterni
alle loro politiche ed interessi.
Natale nell'enclave di Gracanica
Per qualcuno potra' sembrare anomalo questo mio lavoro, ma penso che, soprattutto in aree
geografiche e storiche ben definite (di fatto tutto cio' che NON e' occidente, dall'Eurasia al mondo
arabo, a quello dell'estremo oriente, all'africanita', all'indigenismo latinoamericano); in situazioni e
fasi storiche definite, di arretramento di alternative reali e concrete, la spiritualità è utile
all'esistenza di una coscienza collettiva, per questo e'profondamente radicata nelle identità culturali
di molte società.
Gli stessi processi "rivoluzionari" della storia, molti con basi marxiste, hanno intrecciato le loro
politiche con i valori spirituali dei propri popoli e con i loro esponenti religiosi, se non ottusi o
peggio reazionari, caratterizzandole con intelligenza ed originalita'; da Cuba ( Castro con animismo
e cristianita') al Vietnam ( Ho Ci Minh e buddismo), dalla Cina ( Mao con taoismo e
confucianesimo), al Sudafrica ( Mandela, il vescovo Tutu e l'anglicanesimo), dal Nicaragua
sandinista ( Padre Ernesto Cardenal e cristianesimo) al Venezuela bolivariano ( Chavez e il
cristianesimo e l'animismo indigeno); il profondo e stretto legame, costato carcere ed esilio a
Mons. H. Capucci con la lotta del popolo palestinese; ai processi di emancipazione panarabi:
Nasser, Hussein, Gheddafi, Ben Bella e gli intrecci con le culture musulmane; vedere ai giorni
nostri come le fedi d'oriente siano in prima fila nella lotta per la difesa del proprio paese e popolo, e
ferocemente attaccate; fino ai processi di liberazione del secolo scorso dell'Africa e le difformi,
eterogenee
intrecciature
con le complesse diverse fedi dei propri popoli. Per non citare le vicende
della lotta di liberazione in Europa contro il nazifascismo, dove soprattutto nei paesi dell'Est, terra
dell'ortodossia, vi e' stata una sintonia di intenti e valori per la difesa della propria terra e patria;
dalla Jugoslavia ( fatta eccezione del clero croato, di fatto integratosi e identificatosi con la barbaria
nazifascista), a quello che forse puo' apparire sorprendente, e che fu di fatto l'unione di intenti tra
Stalin ed il Patriarca Alessio I, guida spirituale della piu' grande e forte Chiesa Ortodossa del
mondo, nella lotta contro l'aggressione nazifascista.
L'individualismo ha trovato il suo dispiegamento dall'inizio del secolo scorso, ma nella vita dei
popoli la necessita' della comunità è imprescindibile. Nei processi evolutivi storici la maggioranza
degli individui ha sempre avuto un vitale bisogno di identificarsi con una comunita'o gruppo sociale
di appartenenza. Anche facendo parte di un dato gruppo spirituale, gli individui trovano un conforto
e un supporto contro isolamento o vessazioni, traendone spesso forza per la sopravvivenza.
Queste schematiche e non certo esaurienti o profonde righe di sottolineatura, sono solo per
avvicinare il lettore alla realta' del Kosovo, perche' ritengo che raccontare come si vivono anche le
giornate della spiritualita' e del raccoglimento cristiani, sia un mezzo per continuare a denunciare
l'ingiustizia e l'oppressione di un intero popolo, in quel pezzo di Balcani. Nelle società ci sono
concetti variabili di spiritualità, in quelle terre socializzare con gli aspetti della spiritualità è molto
comune in tutti: credenti, laici e anche non credenti; l'ho visto, vissuto, condiviso stando tra loro e
con loro, con il profondo onore di esserne considerato parte, condividendo la loro realta', il loro
dolore, le umiliazioni, le ingiustizie, le tragedie, la paura e anche il terrore in situazioni vissute
insieme. Queste righe vogliono solo essere un accenno ai complessi e profondi legami tra gli aspetti
sociali e la spiritualità nella realta' del Kosovo Methoija.
Per cercare di far conoscere il come e perche' spesso, dentro processi e fasi della storia, eventi
politici si sono intrecciati lotte, resistenze, e la realta' delle credenze e delle fedi religiose, come
parti integranti di un unica societa'. Oggi nella realta' del Kosovo la spiritualità è una delle
principali forme di socializzazione, avendo perso la politica, nelle sue attuali leadership ogni
legittimita' ( ...ma questo vale anche a casa nostra...). I risultati di questa forma di socializzazione
sono molto particolari e complessi in una società, come quella kosovara, reduce da una guerra quasi
civile e con una violenza continua e quotidiana che continua, seppur non eclatante. La spiritualità in
quella regione investe l'intera struttura sociale in modo diretto o indiretto, e ne e' radicata parte; in
questa fase
essa svolge un ruolo positivo fondamentale di coesione e collegamento tra gli individui,
garantendo una identità nazionale collettiva, sia sociale, che politica e culturale, che si interseca
fortemente con una prospettiva di liberazione dall'oppressione, dall'ingiustizia e dall'arroganza dei
padroni del mondo, e' per esempio normale, che nelle manifestazioni di piazza, nelle iniziative di
protesta i padri ortodossi siano in prima fila e protagonisti, determinati nella denuncia della
situazione, cosi' come pronti e disponibili al dialogo ed al confronto sui temi e le questioni, finora
negato.
Semplicemente perche' li' sono, li' vivono, li' con il proprio popolo condividono la drammatica
realta', ne sono parte di essa...non sono scappati, non sono altrove.
La tradizionale distribuzione e condivisione del pane benedetto
Naturalmente e' fondamentale e necessario non avere una cultura ed un approccio eurocentrico,
quindi oppressivo; o saccente con verita' precostituite, quindi da far accettare.
Vidovdan. Guardo nel cielo, i secoli che passano. Le antiche memorie sono l'unica cura
Ovunque io vada, è a te che torno di nuovo, Perché nessuno può togliermi dall'anima il Kosovo.
Come l'eterna fiamma nei nostri cuori, La battaglia del Kosovo resta l'unica certezza
Ovunque io vada, è a te che torno di nuovo
Perché nessuno può togliermi dall'anima il Kosovo.
Perdonaci Signore tutti i nostri peccati
Dai coraggio ai nostri figli e alle figlie
Ovunque io vada, è a te che torno di nuovo
Perché nessuno può togliermi dall'anima il Kosovo.
Vidovdan e' un canto dell'epopea serba. Il 28 giugno di ogni anno, giorno di San Vito ("Vidovdan"), i serbi, commemorano la sconfitta del 1389
ad opera dei Turchi sulla piana di Campo dei Merli ("Kosovo Polje"), a pochi chilometri dall'odierna Pristina. A cura di Enrico Vigna – Gennaio 2014
Il nostro modesto FARE: la SOLIDARIETA' concreta
Progetto S.O.S. KOSOVO, METOHIJA S.O.S. Yugo slavia. – V. Reggio 14 – 10153 Torino
Associazione di Solidarietà - Onlus
339 – 5982381
sosyugoslavia@libero.it
c/c bancario:
SOS Yugoslavia IT56K0306909217100000160153
Banca Intesa - San Paolo
c/c postale: SOS Yugoslavia 78730587
Per quanto riguarda la nostra attività relativa al Kosovo, abbiamo i seguenti progetti:
Progetto Decani, Enclavi Methoija
Progetto Srecna Porodica ( Donne Vedove e Profughe di guerra del Kosovo)
Progetto Figli dei rapiti del Kosmet
Sostegno all'Ass. Sclerosi Multipla di Kosovka Mitrovica in Kosovo
Sostegno ai bambini dell'enclave serba di Orahovac nel Kosovo
Sostegno ai figli dei lavoratori Zastava disoccupati, nell'enclave di Gorazdevac
La documentazione relativa alla nostra attività e alla conoscenza della realtà socio economica e
culturale della ex Jugoslavia è a disposizione. Sono anche disponibili di chi vorrà sostenere questo
progetto: il DVD . " I Dannati del Kosovo"; il libro "Kosovo liberato"; il libro con le lettere dei
bambini di Orahovac "Dalla guerra all'assedio" con relativa mostra; il DVD: "Kosovo nove anni
dopo. La guerra infinita" di R. Iacona; il libro: "Ciò che eravamo..." Diario di una donna serba del
Kosovo Metohija di Radmila Todic-Vulicevic; il DVD " Viaggio nell'apartheid" di
E. Vigna e R. Veljovic, oltre ad altri libri, filmati e dossier, i cui introiti sono utilizzati per i progetti sopracitati.
Chi "sente" la gravità di quanto e' accaduto e accade, e giustamente s'indigna perché più cosciente
e informato, perché vede al di là dell'immediato e intravede la deriva tragica che può seguire e
dispone pure di buona volontà, s'impegni al nostro fianco.
Noi crediamo ci sia bisogno di una cultura popolare alternativa a quella dominante, che superi la
competizione fra i popoli.
Aiutare quelle famiglie particolarmente disagiate è una buona occasione per partecipare alla
costruzione di quella cultura.
Braccia tese, solidarieta' concreta con idee precise. GRAZIE.
Il Direttivo di: #SOS #Yugoslavia, #Kosovo, #Methoija
http://byebyeunclesam.files.wordpress.com/2014/01/kosoepolcimitnata.pdf

lettera aperta a tutti gli ebrei del mondo, anche se, per Rothschild Fmi, Spa, Banca Mondiale, è una barzelletta, un ebreo con le genealogie materne?
e se, per lui nessun ebreo vero è potuto morire, con il nazismo, comunque, voi non dovete più temere Rothschild, Fmi, Spa, FED, perché per me, voi siete ebrei veramente!

Politico serbo assassinato in Kosovo - Cronaca - Il Piccolo
ilpiccolo.gelocal.it › Cronaca‎
3 giorni fa - Un consigliere comunale di Mitrovica freddato a colpi di pistola davanti a casa. Aveva 35 anni. La tensione risale alle stelle.
Kosovo: tensione a Mitrovica nord dopo l'omicidio del consigliere ...
www.agenzianova.com/.../kosovo-tensione-a-mitrovica-nord-dopo-l-omi...‎
4 giorni fa - KOSOVO. Mostra l'articolo per intero... Kosovo: tensione a Mitrovica nord dopo l'omicidio del consigliere comunale Janicijevic. Pristina, 16 gen ...
Kosovo: tensione a Mitrovica nord dopo l'omicidio del consigliere ...
gossip.libero.it/focus/.../kosovo...a...consigliere/kosovo-janicijevic/?...‎
TEMI CORRELATI: kosovo janicijevic mitrovica consigliere comunale enver hoxhaj presidente della repubblica ministro degli esteri ivica dacic omicidio ...
Mitrovica nord, ucciso consigliere serbo
www.balcanicaucaso.org › bloc-notes‎
4 giorni fa - Home / bloc-notes / Mitrovica nord, ucciso consigliere serbo ... da parte di chi, tra i serbi del Kosovo, si oppone al dialogo con Pristina. ...
Decisione che ha segnato la decadenza immediata dell'intero consiglio comunale.
L'autunno caldo del Kosovo - Osservatorio Balcani e Caucaso
www.balcanicaucaso.org › aree › Kosovo‎
21/ott/2013 - Tuttavia, la notizia dell'assassinio del poliziotto è stata come un ... e da quello dei candidati alle cariche di sindaco e consigliere comunale.
Kosovo - Notizie in Liquida
www.liquida.it/kosovo/‎
Un consigliere comunale di Mitrovica freddato a colpi di pistola davanti a casa. ... Un dirigente serbo della comunita' di mitrovica in Kosovo è stato assassinato ...
Politico serbo assassinato in Kosovo | le ultime notizie
attual.it/notizie/politico-serbo-assassinato-in-kosovo‎
Un consigliere comunale di Mitrovica freddato a colpi di pistola davanti a casa. Aveva 35 anni. La tensione risale alle stelle...
Politico serbo assassinato in Kosovo - News Locali
www.newslocali.it/2014/01/17/politico...assassinato-in-kosovo/91768‎
3 giorni fa - Un consigliere comunale di Mitrovica freddato a colpi di pistola davanti a casa. Aveva 35 anni. La tensione risale alle stelle.
L'autunno bollente delle elezioni in Kosovo | il manifesto
ilmanifesto.it/lautunno-bollente-delle-elezioni-in-kosovo/‎
31/ott/2013 - Tuttavia, la notizia dell'assassinio del poliziotto è stata come un ... e da quello dei candidati alle cariche di sindaco e consigliere comunale.
Politico serbo assassinato in Kosovo - ScoopSquare
www.scoopsquare.com/.../1588018-politico-serbo-assassinato-in-kosovo....‎
3 giorni fa - Un consigliere comunale di Mitrovica freddato a colpi di pistola davanti a casa. Aveva 35 anni. La tensione risale alle stelle.
Usa. Rapporto del Pew Reserch Center: sempre più violata la libertà religiosa nel mondo
http://it.radiovaticana.va/news/2014/01/18/usa._rapporto_del_pew_reserch_center:_sempre_pi%C3%B9_violata_la_libert%C3%A0/it1-765165
Il 74% della popolazione mondiale è esposta ad alti livelli di ostilità da parte di singoli o gruppi della società, che di fatto limitano l'esercizio della libertà religiosa. Si tratta della più alta percentuale negli ultimi 6 anni. Sul fronte invece delle restrizioni governative, il 64% dell'umanità vive in Paesi che limitano fortemente o impediscono addirittura la libertà religiosa e di coscienza. È quanto emerge dalla lettura dell'ultimo rapporto del "Pew Research Center's Forum on Religion & Public Life", presentato venerdì alle Nazioni Unite e ripreso da L'Osservatore Romano. Nell'ultimo anno preso in esame — i dati si riferiscono al 2012 — il numero di Paesi con un tasso molto alto di ostilità sociale contro minoranze religiose è salito a venti, rispetto ai quattordici dell'anno precedente e registra un record negativo. A questa lista, nel 2012 si sono aggiunti nuovi Paesi, soprattutto del Sudest asiatico. Ma i nuovi dati mostrano un aumento considerevole delle limitazioni di questo diritto fondamentale anche nei Paesi mediorientali e nordafricani, complici soprattutto gli sviluppi socio-politici sopraggiunti in seguito alle cosiddette primavere arabe. Inoltre, è aumentato anche il numero di governi che hanno stretto le maglie al libero esercizio di questo diritto umano fondamentale. Da quest'anno, figurano tra quelli con le più alte restrizioni anche Paesi che prima non figuravano in questa lista, come alcuni della zona caucasica. In sintesi, si può dedurre che le ostilità religiose sono aumentate in tutte le principali regioni del mondo, tranne le Americhe. La quota dei Paesi con un livello elevato o molto elevato di restrizioni governative sulla religione è rimasto più o meno lo stesso nell'ultimo anno di studio. Circa tre Paesi su dieci (29%) avevano un livello elevato o molto elevato di restrizioni governative nel 2012, rispetto al 28% nel 2011 e del venti per cento a partire da metà 2007. L'Europa ha segnato il maggiore aumento del livello medio di restrizioni governative nel 2012, seguita da vicino dal Medio Oriente-Nord Africa, l'unica altra regione in cui il livello medio di restrizioni governative sulla religione è aumentato. Tra i 25 Paesi più popolosi del mondo, alcuni hanno fatto registrare nel 2012 restrizioni governative e ostilità sociali. Come nell'anno precedente, il Pakistan ha fatto registrare il più alto livello di ostilità sociali che coinvolgono la religione. E per la prima volta il Myanmar è stato inserito tra i Paesi dove le ostilità sociali sono ritenute "molto elevate". I due indici presi in esame — quello delle ostilità sociali e quello delle restrizioni governative — guardano anche all'incidenza delle intimidazioni, persecuzioni o violazioni contro specifici gruppi religiosi. Pertanto, secondo i dati raccolti dal Pew Research Center, i cristiani nel 2012 hanno subito una qualche forma di maltrattamento in 110 Paesi del mondo. Seguono, in questa classifica, i musulmani, che ne sono vittima in 109, poi gli ebrei in 71, e via via indù e buddisti. Comunque, non c'è comunità religiosa che non risulti essere discriminata o perseguitata almeno in qualche parte del mondo. Nello studio, sono riportati anche casi specifici di ostilità contro le minoranze religiose. Episodi di tal genere sono stati registrati nel 47% dei Paesi nel 2012, nel 38% nel 2011 e del 24% nell'ultimo anno preso in esame. In particolare sono segnalati casi in Sri Lanka, Paese a maggioranza buddista, dove spesso vengono presi di mira luoghi di culto musulmani e cristiani, e in Egitto, dove si registra un incremento degli attacchi alle chiese copte e alle attività imprenditoriali gestite da cristiani. I Paesi più virtuosi in fatto di libertà religiosa risultano essere il Giappone, il Brasile e il Sud Africa, mentre l'Italia si colloca assieme a Gran Bretagna, Francia e Germania, nella classifica dei Paesi con "ostilità sociali alte". (I.P.)
Testo proveniente dalla pagina
http://it.radiovaticana.va/news/2014/01/18/usa._rapporto_del_pew_reserch_center:_sempre_pi%C3%B9_violata_la_libert%C3%A0/it1-765165
del sito Radio Vaticana